Ortocheratologia - Ottica FIOS Roncaccia - Roma

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Ortocheratologia

Lenti a contatto

Tratto dal sito: ortocheratologia.it

L'ortocheratologia (Ortho-K) è un processo non invasivo e non chirurgico per correggere, difetti visivi come miopia, astigmatismo, ipermetropia e presbiopia con particolari lenti a contatto studiate per essere utilizzate solo durante il sonno.

La storia

Le prime applicazioni di lenti per ortocheratologia risalgono agli anni ’60, quando alcuni contattologi americani utilizzarono lenti rigide “non” gas-permeabili da portare durante il giorno. Il PMMA (polimetilmetacrilato), con le quali erano realizzate, è un materiale ancor oggi utilizzato, sebbene molto limitatamente. Esso non è adatto al porto notturno, così come non lo sono i polimeri a bassa e media permeabilità all’ossigeno. Solo da qualche anno sono disponibili nuovi materiali ad alto DK (il coefficiente che indica tale permeabilità), per i quali la FDA americana (Food and Drugs Administration), l’organo mondiale più autorevole per le autorizzazioni all’uso di medicinali ed assimilati, ne ha autorizzato l’uso durante il sonno. Anche le geometrie sono nel corso degli anni cambiate e progressivamente perfezionate fino a consentire di raggiungere in poche settimane i risultati che un tempo necessitavano di 9-12 mesi, con numerosi cambi lenti a mano a mano che la superficie corneale veniva modificata. Oggi parliamo di “Ortocheratologia accelerata”, con la quale si ottengono risultati in pochi giorni o qualche settimana nei casi più difficili. Grazie alla geometria “inversa” e al porto notturno l’Ortho-K assumerà in futuro sempre più rilevanza nella scelta delle alternative a disposizione dei miopi per la risoluzione del loro deficit visivo.


Che cos'è
L' Ortocheratologia è la correzione dei difetti visivi mediante la sua riduzione con l'uso notturno di lenti contatto rigide gas-permeabili (abbreviate RGP). La particolare geometria, detta “inversa”, di queste lenti consente ad esse di effettuare una pressione sulla superficie corneale, modificandone leggermente la curvatura e rendendo l’occhio meno miope, astigmatico o ipermetrope. Si indossano la sera prima di coricarsi e al mattino, dopo averle tolte, il portatore di lenti ortocheratologiche vede bene tutto il giorno senza lenti e senza occhiali. E’ una correzione invasiva, reversibile e non presenta rischi potenziali maggiori rispetto al porto di normalissime lenti morbide. Semplicemente per correggere i difetti visivi si indossano le lenti prima di coricarsi e la mattina si tolgono e si inizia a vedere bene tutto il giorno senza altre lenti e senza occhiali.

In quanto tempo?
La durata del periodo per raggiungere una visione naturale (senza correzione) di 10/10 per 24/48 ore può variare da pochi giorni, per le miopie, astigmatismi e ipermetropie più lievi fino a 2 diottrie, a qualche settimana per quelle fino a 5/6 diottrie. Per miopie superiori si può limitare l’uso di occhiali o di lenti a contatto solo a fine giornata.

Per chi?
Non vi sono limiti di età per sottoporsi alla correzione. Anche i bambini possono essere ottimi candidati, purché non presentino controindicazioni, collaborativi e affiancati da un genitore. Rimandare l’applicazione priva i ragazzi della possibilità di rallentare l’evoluzione miopica, frequente nei soggetti con familiarità al difetto.Non esistono controindicazioni specifiche che non siano quelle per l’applicazione delle tradizionali lenti a contatto rigide. Una visita oculistica è necessaria prima di cominciare. I tests e le prime prove servono inoltre ad evidenziare eventuali condizioni che sconsiglino l’applicazione delle lenti o che prevedano l’insuccesso della riduzione dei difetti visivi.

Vantaggi
La correzione della vista con lenti a contatto è già di per sé una valida alternativa all’uso degli occhiali. Migliora la visione e il campo visivo risulta più ampio. Offre maggior libertà di movimento nello sport e la possibilità di indossare qualsiasi tipo di occhiali da sole. Le lenti rigide hanno inoltre la proprietà di rallentare l’evoluzione miopica, ossia la tendenza nei giovani miopi all’aumento della gradazione, soprattutto in età adolescenziale.
Come evidenziato da diversi studi, i teen-agers che portano lenti a contatto RGP hanno una progressione miopica inferiore ai coetanei che utilizzano altri mezzi di correzione


RISPETTO ALL’INTERVENTO CON IL LASER AD ECCIMERI


Svantaggi
- si possono annullare in genere miopie fino a 5 – 6 diottrie, ipermetropie fino a 3 - 4 diottrie e soltanto alcuni tipi di astigmatismo - la correzione richiede del tempo e successive sedute in studio per tests, prove, controlli periodici e cambi di lenti - la variazione che si ottiene è reversibile, quindi bisogna continuare a portare le lenti notturne di mantenimento

Vantaggi
- è una tecnica non invasiva che lascia intatta la struttura corneale. Non presenta gli inconvenienti post-operatori: uso di farmaci, dolore, fotofobia, occhio secco, visione annebbiata, aloni alle luci. Si conoscono gli effetti sul lungo periodo, in quanto i primi casi sono stati trattati quasi 40 anni fa. Se c’è una progressione miopica o qualche inconveniente si possono semplicemente modificare le lenti e migliorare il risultato: è reversibile, perciò con rischi praticamente nulli. Smettendo di portare le lenti, il soggetto ritorna al difetto preesistente.

Garanzia
Presso il nostro centro ottico è possibile, senza impegno, applicare lenti di prova, con le quali anche dopo solo un’ora di porto alla loro rimozione potrete già apprezzare il miglioramento della visione e una diminuzione della miopia.
Questa è la migliore risposta ai vostri dubbi e il nostro Contattologo sarà lieto di potervela dare quanto prima.

Come si effettua
Già al primo appuntamento presso il nostro centro specializzato è possibile verificare l'efficacia della correzione e la sua fattibilità. Dopo un attento esame refrattivo, per valutare l'esatto difetto miopico, l'esame esterno alla "lampada a fessura", i test di valutazione del film lacrimale e rilevazione dei parametri corneali con l'oftalmometro, il Cliente verrà sottoposto ad una topografia corneale, principale esame che consente all'applicatore di effettuare una vera e propria mappa della cornea. Grazie ad esso sarà possibile applicare le prime lenti e dopo solo due ore, togliendole, il Cliente potrà apprezzare il miglioramento della propria vista. Ovviamente l'effetto sarà breve (da 1 a 4 ore), ma darà già l'idea del risultato che si potrà ottenere alla fine della correzione.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu